60 giorni per comunicare le variazioni delle utenze. Ecco come fare.

Utenze Tari del Comune di Firenze, cambiano i termini entro i quali devono essere presentate le denunce della TARI. Le dichiarazioni, dal 01/01/2019, dovranno essere presentate entro 60 giorni sia dall’inizio occupazione relativamente a nuove conduzioni sia per modifiche o variazioni di quelle già in essere che influiscono sulla determinazione del tributo. Il nuovo termine sostituisce il precedente, che era stabilito nel 31 gennaio dell’anno successivo all’avvenuta modifica.

Per effettuare la modifica è sufficiente presentare il modello di iscrizione, variazione o cessazione della propria utenza reperibile on line sull’apposito sito web dedicato alla TARI dell’area fiorentina (www.sportellotariffa.it) selezionando il Comune di Firenze e accedendo alla relativa area dedicata a “Moduli e documenti”; in alternativa è sempre possibile rivolgersi agli sportelli TARI di Alia Servizi Ambientali S.p.A. (via Bibbiena 35 – zona Via Baccio da Montelupo – aperti da lunedì al venerdì con orario 8.30/14.00 e 14,30/17.30).

La consegna può avvenire:

  • direttamente presso gli URP del Comune di Firenze;
  • allo SPORTELLO UFFICIO TARI di Firenze in Via Bibbiena, 35
  • presso qualsiasi sportello TARI di Alia Servizi Ambientali S.p.A.;
  • con spedizione postale tramite RACCOMANDATA A/R a Alia Servizi Ambientali S.p.A – Ufficio TARI – Via Baccio da Montelupo n. 52 – 50142 Firenze
  • con P.E.C. (posta elettronica certificata) indirizzata a: tariffa.comune.fi@pec.aliaserviziambientali.it
  • via FAX al n° 055 / 73.39.205

Per eventuali ulteriori informazioni o assistenza, è possibile chiamare il numero unico di Alia Servizi Ambientali S.p.A.:

800888333 (gratuito da rete fissa)

0571 1969333 (a pagamento utilizzando i minuti in abbonamento di tariffe “Flat”)

199105105 (a pagamento da RETE MOBILE)

Il servizio di call center è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30 ed il sabato dalle 8.30 alle 14.30.

Si ricorda che la mancata presentazione della denuncia espone alle sanzioni previste dalla legge (art. 21 Regolamento comunale TARI), che il Comune provvederà a contestare con apposito avviso di accertamento.